30,0035,00

Bandiera Brigata Garibaldi Poster

  • 115 Gr. / Carta bianca. Ottima resistenza all’umidità, acqua e raggi del sole oppure carta da interno / Blueback sempre 115 gr. con una migliore qualità e definizione.

  • Doppia copia per regalarla a chi vuoi, attaccarla dove vuoi, ovunque.
  • 50cm x 70cm
  • Cornice non compresa
Svuota
COD: MG-BR-GARIBALDI Categoria: Tag: , ,
Condividi dal basso

Descrizione

La Bandiera della Brigata Garibaldi comincia a sventolare nel cielo italiano nel Settembre del 1940 a Milano, come risposta militare e di resistenza popolare contro il regime nazi-fascista che avvelenava le strade, le città e le campagne del Belpaese. Ora e sempre, resistenza. In sostegno ad un fronte unico.

Avevano una parola da dire. E l’hanno detta per noi.

Per approfondire ti consiglio di leggere questo articolo. (Fonte Anpi).

La Bandiera Brigata Garibaldi è un simbolo per tutte e tutti.

Carta bianca antispappolo / affissione da 115 grammi, specifica per la stampa di manifesti per affissione.

Garantisce una buona resistenza alla pioggia e al sole.

Oppure in versione alta qualità da interno per aumentare la qualità di stampa, i dettagli e i colori. La grammatura è identica, con Blueback.

La stampa è a 4 colori (standard) o 6 colori (alta qualità).

Infine, il poster è stato disegnato con tecnica mista, raster e vettoriale.

Una curiosità interessante sulla Brigata Garibaldi

Il modello organizzativo venne strutturato dalla direzione del PCI. Il termine “brigata” non fu casuale: era il superamento della “banda”.

Brigata stava ad indicare un legame organizzativo di tipo militare tradizionale, di dipendenza tra le unità operative ed i livelli superiori politico-militari; inoltre creava un richiamo morale e storico con le Brigate Internazionali della Guerra di Spagna. Il nome fu dedicato a Giuseppe Garibaldi, popolare e quasi mitica figura risorgimentale italiana. Le dimensioni delle brigate variavano dal contesto operativo.

La struttura impostata dal PCI richiedeva, oltre ad un comandante militare, un commissario politico con pari poteri militari ma impegnato anche nel lavoro di propaganda e istruzione dei partigiani; struttura questa replicata anche nelle squadre, i battaglioni e gli altri sottoraggruppamenti. Il termine “assalto” fu una volontà politica; era finalizzata a togliere le incertezze sulla possibilità di lotta e superare i dubbi nella lotta contro i fascisti. Inoltre richiamava anche i “reparti d’assalto” della prima guerra mondiale.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni N/A
Qualità di stampa

Alta Qualità (Per intenditrici ed intenditori), Standard (È ottima anche questa eh!)